Coraggio: ora ci serve più che mai.

Coraggio: ora ci serve più che mai.

Coraggio, una delle virtù delle quali si sente parlare sempre meno mentre, personalmente, credo sia una delle più importanti, oggi, dove tutto ci viene tolto da sotto i piedi. Soprattutto per i nostri figli, abituati come sono alla TV, dove i risultati si ottengono facilemente e senza sforzo, mentre sappiamo che il mondo che li attende non è propriamente così. Non sto parlando di eroismo, ossia il compiere atti necessari a raggiungere un meta considerata addirittura più importante della propria vita, ma del coraggio di affrontare le nostre paure, quotidianamente. Ma cos'è il coraggio? E' la capacità di agire nonostante si provi paura e non, come si pensa comunemente, il "non avere paura". Spesso ognuno di noi si trova nella situazione di dover (o poter) uscire dalla cosiddetta zona di confort, da quel guscio di sicurezza che giorno dopo giorno ci siamo costruiti attorno, restando al sicuro per non incorrere in rischi spesso solo paventati. Preferiamo stare arroccati nel nostro castello, spaventati da quelli che sono, il più delle volte, nemici immaginari e questo ci impedisce di uscire la fuori, a godere di possibili successi e ad espandere i nostri possedimenti, galoppando con fierezza sul nostro cavallo bianco. Purtroppo il più delle volte c'è una vocina flebile ma potente che ci sussurra frasi del tipo:"E se fallisci?" oppure "Se fai così, cosa penseranno gli altri di te?" o ancora:"Oddio, e se ci facessimo male", "Non è che dovremo rinunciare a tante cose?", "E se perdessi tutto quello che hai?" e cosi via. Personalmente ho un sacco di paure, non lo nego, e non è questo il luogo per definire colpe o motivi, ma se dovessi darmi un voto per il coraggio di andare oltre, mi do un 8 pieno. Paura di volare: volo in Dicembre a Los Angeles di 14 ore Paura delle altitudini: discesa su pista nera di sci dopo 2 giorni di corso Paura del fallimento: un mese fa ho aperto la mia seconda società Paura di perdere le persone che amo: ogni giorno le sprono a superare le loro paure, anche se questo potrebbe, a volte, fare si che cadano e che si "sbuccino le ginocchia", perchè nel loro futuro potranno trovare certezze solo in loro stessi. Questo non è certo eroismo e per chi già conduce naturalmente una vita da "coraggioso" potrà sembrare normale fare certe cose, allo stesso modo di chi, avendo una grande fiducia in se stesso, potrebbe reputare "stupidi" certi atteggiamenti del timido oppure chi non teme gli insetti sorride quando una persona comincia a sudare trovandosi un ragno di 1 mm sul braccio. Ma come si fa a diventare coraggiosi? Questi i 3 passaggi legati alle nostre paure:

  • Riconoscerle: cominciamo a dare un nome a ciò che ci paralizza, ad identificare chiaramente cos'è che ci impedisce di vivere liberamente e con maggior leggerezza. Può trattarsi della paura dell'abbandono o del rifiuto, della paura del fallimento o della miseria oppure della perdita. Non negarle a te stesso.
  • Accettarle: una volta dichiarate, queste paure già perdono parte del loro potere, come succede ogni volta che entra in campo la consapevolezza. E' infatti in quel momento che cominciamo a prendere fra le mani il nostro destino, decidendo di cambiare la nostra rotta, a diventare davvero i capitani della nostra vita. Diciamoci:"Ok, fai parte della mia vita, vediamo come possiamo convivere"
  • Affrontarle: è qui che spesso ci si perde, nel tentennamento sul "bordo della piscina". Qui bisogna buttarsi. Non saprai mai se l'acqua sarà calda o fredda, anche se ci infilerai prima una mano, finchè non deciderai di buttarti. Questo è il segreto: immagina una persona che ti spinge nella piscina della vita. Quella persona è il coraggio, e il più delle volte dovrai ringraziarla, perchè l'acqua era di una temperatura paradisiaca.

Chiudo con un bellissimo aforisma di Stendhal (in una mia variante): "La vita è un bellissimo fiore, ma bisogna avere il coraggio di coglierlo sull'orlo di un precipizio." Raccontateci i vostri quotidiani atti di coraggio, siamo curiosi! Buona nuotata Ramon

CONDIVIDI:

Questo articolo è stato scritto da Ramon

Ramon

Mi occupo di Comunicazione a forte vocazione commerciale, Web Marketing e adoro partorire "progetti". Ho creato due società: Verdelite, l'unica agenzia web in Italia specializzata in servizi per gli Ortoflorovivaisti e Kompresa, che offre servizi di consulenza per aziende che vogliono migliorare la loro comunicazione, fuori e dentro l'azienda, e che cercano un partner per lo sviluppo commerciale.

Commenta

comments powered by Disqus