Cosa sono le Keywords e come sceglierle per essere primi sui motori di ricerca

Piacere a Google per scalare la SERP

Cosa sono le Keywords e come sceglierle per essere primi sui motori di ricerca

La rete è uno strumento di espansione del business poco utilizzato che permette di raggiungere miliardi di persone. Per ottenere questo risultato bisogna, però, fare i conti con i motori di ricerca e soprattutto con Google, il più usato dagli utenti.

Essere primi sui motori di ricerca richiede non solo contenuti di qualità e meta-description che sollecitano l'interesse del potenziale cliente ma anche l'impiego di keywords, scelte con cura e inserite in modo naturale nel testo.

Che tu sia un imprenditore che opera nel settore calzaturiero oppure un albergatore della riviera romagnola, per essere primi sui motori di ricerca puoi avvalerti dell'aiuto di specialisti che conoscono i meccanismi degli algoritmi di Google e l'importanza delle parole chiave o keywords: queste ultime devono essere in grado di superare l'esame degli spider che scansionano milioni di pagine e presentano i risultati più rilevanti.

Intercettare la query più ricercata

Tutte le attività di SEO marketing compiute per ottimizzare il tuo sito web e renderlo "Google friendly" devono avere come obiettivo come quello di far sì che le keywords, principali e secondarie, corrispondano alle ricerche digitate dal potenziale cliente.

Solo riuscendo a intercettare i bisogni del lettore si è in grado di stabilire la conversione di un elevato numero di navigatori in clienti.

Bisogna, però, ricordare che le keywords non devono essere banali perché migliaia di siti sono posizionati nella SERP secondo le parole più usate e quindi, se poco originali, hanno un'alta concorrenza.

Scelta delle keywords

Immaginiamo di avere un sito online di cappelli: la keywords più digitata sarà "cappelli" che restituisce 14.700.000 risultati ma, per l'ottimizzazione, occorre generare keywords specifiche, in grado di conquistare nicchie di mercato che permettono una proficua conversione.

Per essere primi sui motori di ricerca è fondamentale, quindi, scegliere parole chiave descrittive che soddisfino il bisogno di informazione del lettore e considerare la differenza tra keywords long tail e short tail: se nella prima puoi utilizzare più termini, nella seconda ne userai solo uno. In termini di ricaduta nel posizionamento la long tail è necessariamente più specifica e, quindi, incontra più facilmente la ricerca dell'utente che digita almeno due o tre termini. La stringa specifica porta una concorrenza inferiore e quindi una maggiore possibilità di vedere il proprio sito in posizioni di rilievo.

Tornando al nostro esempio la keyword che assicura una maggiore conversione potrà essere la descrittiva: "cappelli da pioggia" che restituisce appena 631.000 risultati, mentre la ancora più specifica "cappelli da pioggia Roma" darà solo 418.000 risultati, permettendo sia conversione che fidelizzazione.

Se queste nozioni ti sembrano "arabo" e hai bisogno di una mano per scegliere le parole chiave più pertinenti e centrate sul tuo settore di riferimento, richiedi il mio supporto: mi occuperò per te della ricerca e selezione delle keywords più interessanti per coinvolgere e catturare in Rete il tuo pubblico e ti insegnerò come organizzarle e sfruttarle efficacemente per ottenere risultati soddisfacenti sul Web.

CONDIVIDI:

Questo articolo è stato scritto da Simona

Simona

Sono Copywriter e, sin da bambina, la mia passione è Scrivere. Ho appreso le più moderne tecniche di Content marketing sul campo, lavorando presso agenzie web. Col tempo ho perfezionato la mia conoscenza del SEO e dell'indicizzazione delle parole chiave nei motori di ricerca, aiutando le aziende a posizionarsi sempre tra le prime posizioni per il proprio settore commerciale. Sono specializzata in Seo copywriting, Realizzazione di testi per Siti Web e Blog, Article Marketing,Redazione di comunicati stampa e Creazione di Campagne Pay per Click e di testi per campagne pubblicitarie persuasive ed efficaci.

Commenta

comments powered by Disqus